Core web vitals cosa sono i segnali web essenziali e perchè ottimizzarli
Tempo di lettura: 8 minuti
Aggiornato al 27 Febbraio 2024

Hai già sentito parlare dei Core Web Vitals? Ecco cosa sono e perché dovresti ottimizzare subito i tuoi.

L’importanza di una buona esperienza d’uso delle pagine web

Tutti esplorano il web in cerca di risposte e scelgono di riceverle da chi sa offrirle velocemente e bene.

Pensa alla tua esperienza, sicuramente succede spesso anche a te! Quando incontri un sito lento e poco fruibile lo abbandoni senza indugio perché sai che ce ne saranno tanti altri pronti a rispondere più in fretta e meglio.

Le persone preferiscono i siti web che offrono una buona esperienza di navigazione.

Per questo è indispensabile mostrare pagine web di qualità: reattive, ben organizzate e adattabili.

Core Web Vitals: cosa sono e come migliorano l’esperienza utente

I Core Web Vitals (Segnali Web Essenziali) sono metriche di Google che servono a misurare e monitorare aspetti che il motore di ricerca considera appunto come “essenziali” per una buona pagina web: velocità di caricamento, reattività e stabilità visiva dei contenuti.

Pagine web veloci, reattive e visivamente stabili sono proprie dei siti web che sanno offre un’esperienza di navigazione ottimale.

Dovresti valutare accuratamente le performance del sito web per garantire: rapidità di risposta, informazioni ben organizzate e correttamente visualizzabili da ogni dispositivo, immagini stabili e testi sempre leggibili.

Google ti viene in aiuto in questo arduo compito, perché puoi farlo direttamente dal tuo account della Google Search Console.

Perché i Core Web Vitals sono segnali “essenziali”?

Google valorizza i siti web in buona salute che offrono alle persone buone performance e una esperienza di valore.

Nell’ottica di privilegiare la qualità, il motore di ricerca tende a mostrare i siti che hanno queste caratteristiche più spesso fra il risultati della ricerca organica e con un miglior posizionamento.

Per questo avere un buon punteggio nelle metriche Core Web Vitals influenza positivamente ill ranking delle pagine web.

Il rapporto Core Web Vitals di Google

Il tuo sito web un’esperienza di qualità e un “valore” che puoi misurare!

Come specificato da Google, le valutazioni relative ai Core Web Vitals derivano dai dati sul reale uso delle pagine web.

L’analisi dei dati reali

Il Rapporto Core Web Vitals  della Search Console mostra il rendimento delle pagine web basato sull’uso effettivo del sito da parte degli utenti in tutto il mondo (dati sul campo)

Puoi leggere di più nel Blog di Google Search Central.

L’analisi dei dati reali permette di correggere le criticità effettivamente rilevate e migliorare la SEO del sito Web e i suoi posizionamenti nella ricerca organica.

Per valutare lo stato dei tuoi Core Web Vitals attraverso la Google Search Console:

  • entra nel tuo account Google Search Console
  • Vai alla sezione esperienza sulle pagine e poi scegli → Core Web Vitals

Alla sezione “esperienza sulla pagina” dedicata alla valutazione complessiva delle performance trovi la voce Core Web Vitals:

Core web vitals screenshot Google search console

Puoi cliccare Cliccando sull’opzione “dispositivo mobile” oppure “computer”:

Troverai il rapporto sugli degli url che sono/non sono considerati buoni, con le indicazione di eventuali problemi da risolvere per migliorare la prestazione della pagina, rispettivamente da Mobile e da desktop:

In ognuna di queste sezioni sono evidenziate le pagine che hanno problemi relative alle metriche Core Web Vitals con punteggio e motivazioni.

Il Rapporto sull’esperienza utente di Chrome è capace di valutare le performance di un URL: ne valuta il livello prestazionale restituendone lo stato di ottimizzazione (Scadente, Necessità di miglioramenti, Buono) con il relativo intervallo di punteggio.

Se noti alcune pagine che presentano criticità dovrai correggere gli elementi tecnici che comportano problemi e poi chiedere la convalida a Google, segnalando che il problema sia stato risolto.

I valori ottimali delle metriche Core Web Vitals

I segnali web essenziali di Google sono 3:

  • Largest Contentful Paint (LCP): misura le prestazioni di caricamento (rapidità con cui viene mostrato il contenuto più grande della pagina);
  • Cumulative Layout Shift: (CLS) valuta lo spostamento cumulativo del layout, misura la stabilità visiva della pagina.
  • Interaction to the next paint (INP): rileva la reattività della pagina alle interazioni con le persone, durante tutto il suo ciclo di vita.

Interaction to the next paint è entrata a far parte di recente  della rosa dei segnali web essenziali, andando a sostituire la metrica precedente First Input Delay (FID): che invece rileva il ritardo tra la prima interazione dell’utente e la risposta del browser.

Largest Contentful Paint (LCP)

Largest Contentful Paint (LCP) misura la velocità con cui viene caricato il contenuto principale di una pagina web.

LCP corrisponde al tempo impiegato per visualizzare l’elemento più grande nell’area visibile (un’immagine, un video o del testo di grandi dimensioni) dal momento in cui l’utente chiede di accedere all’URL.

Google suggerisce di mantenere il valore LCP al di sotto dei 2,5 secondi per circa il 75% dei caricamenti della pagina in modo da garantire un’esperienza utente soddisfacente.

Per approfondire → qui

Cumulative Layout Shift (CLS)

Cumulative Layout Shift (CLS) monitora la stabilità visiva della pagina web.

Il punteggio va da zero (nessuno spostamento di layout) a un valore positivo (che quantifica eventuali spostamenti della struttura grafica).

CLS propone la somma dei singoli valori di variazione del layout per ogni variazione di layout che si verifica durante l’intera vista alla pagina.

Questo dato è  particolarmente importante perché la variazione degli elementi delle pagine mentre un utente sta cercando di interagire trasforma l’esplorazione del dito in un’esperienza scadente.

Il valore ideale per questa metrica dovrebbero essere basso ( pari o inferiore a 0,1).

Per approfondirequi

Interaction to the Next Paint (FID)

Interaction to Next Paint misura la reattività relativamente a tutte le interazioni degli utenti, durante tutto il ciclo di vita della pagina.

Per un’esperienza utente positiva è necessario mantenere INP al di sotto dei  200 millisecondi per il 75% dei caricamenti di pagina.

INP è una metrica che è stata recentemente inserita nei Core web vitals in sostituzione della precedente metrica First Input Delay  reattività.

Per approfondire: Interaction to Next Paint: la nuova metrica dei core Web Vitals di Google

I Core Web Vitals: come si stanno evolvendo?

Le metriche dei Segnali Web Essenziali si evolveranno nel tempo, anzi si stanno già evolvendo!

Al momento la valutazione di Google si concentra sui tre aspetti di cui abbiamo parlato: caricamento, interattività e stabilità visiva.

Ma già a partire dal marzo 2024 ci sarà un cambiamento importante!

Nel tempo, Google adatterà i suoi strumenti in modo da sempre più funzionale a valutare l’esperienza utente.

Il ciclo di vita dei Segnali Web Essenziali

In un primo momento le metriche dei Core Web Vitals, sono introdotte in via provvisoria, poi testate, perfezionate e solo infine integrate nei Segnali Web Essenziali.

Quando entra a pieno regime, la nuova metrica è definita stabile, cioè incorporata in modo definitivo (n.b. fino a nuova eventuale modifica) nei Segnali Web Essenziali.

Le metriche relative all’indicatore di qualità “Segnali web essenziali” hanno un ciclo di vita che comprende diverse fasi e status:

  • Le metriche sperimentali sono Segnali web essenziali potenziali ancora passibili di modifica in base ai risultati dei test e al feedback della community.
  • Le metriche in attesa sono Segnali Web essenziali che hanno superato la fase di test e che in base a una precisa tempistica potranno diventare stabili.
  • Infine, le metriche stabili sono l’insieme dei Segnali web essenziali integrati  a pieno regime.

Core Web vitals e SEO del sito web

Sebbene i Core Web Vitals siano molto utili non sono però sufficienti a ottimizzare il sito web per la SEO in modo completo ed efficace.

Comprendere l’esperienza sulle pagine nei risultati della Ricerca Google.

Come specificato da fonti ufficiali di Google, i sistemi di ranking che posizionano i siti web esaminano tantissimi fattori che stimano l’esperienza sulle pagine nel suo complesso e la valutazione Core Web Vitals analizza solo il cuore.

Sebbene ottimizzare i Core Web Vitals sia indispensabile se si vuole garantire un’esperienza di navigazione ottimale occuparsi dei tre fattori CWB non basta a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca come Google.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca prevede azioni di SEO tecnica per migliorare le prestazioni del sito che vanno al di là del cuore essenziale e includono interventi positivi mirati. Senza trascurare: backlinking e contenuti web di qualità.

Nel corso degli anni Google ha implementato una serie di strumenti utili a misurare e monitorare il rendimento dei siti web.

Non tutti i titolari di siti web sono in grado di usare correttamente questi preziosi strumenti e tu?

Cosa sono i Segnali Web Essenziali di Google e perché ottimizzarli- Infografica recap.

Core web vitals di Google cosa sono i segnaòi web essenziali di Google (infografica)

Il tuo sito è (realmente) ottimizzato per Google?

chiedi UNa consulenza gratuita adesso

Summary
Description
Core web vitals di Google: cosa sono e come misurarli per migliorare l'esperienza utente sulle pagine web
Author
Publisher Name
Creacity
Publisher Logo
Tag: ,

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *