Come pubblicizzare un sito eCommerce su Google
Tempo di lettura: 13 minuti
Aggiornato al 27 Febbraio 2024

Se sei qui, probabilmente il tuo negozio è già online e ti stai chiedendo: “Come faccio ad attirare clienti?”. Scopriamo insieme come pubblicizzare il tuo sito eCommerce!

Come pubblicizzare un sito eCommerce in modo efficace

Ti sei dedicato con passione e impegno a creare il tuo eCommerce e pensavi fossi fatta?

Avere uno shop ben strutturato purtroppo non basta. Devi metterlo in evidenza agli occhi di chi vuole comprare!

Per far fiorire la tua attività occorre promuovere il tuo sito eCommerce e i suoi prodotti. E serve farlo nella maniera giusta, per non sprecare tempo e soldi.

Una buona strategia di digital marketing per eCommerce ti porta  al successo se:

  • è ottimizzata per il tuo budget
  • è sostenibile nel tempo
  • offre risultati tangibili e misurabili

E non contano solo i clic e le conversioni, ma anche a costruire autorevolezza.

Cosa si intende per “pubblicizzare un sito eCommerce”

Non mi limiterò a considerare il concetto di “pubblicizzare” come sinonimo di pubblicare annunci sui motori di ricerca ma userò questa espressione nel senso più ampio di “far conoscere al pubblico” il tuo shop e i suoi prodotti.

Per pubblicizzare bene il tuo sito eCommerce dovrai promuoverlo in senso ampio per attirare e convincere il tuo pubblico di riferimento (→ target clienti, persone interessate a quello che offri).

Ci sono due aspetti d su cui lavorare:

  1. SEA (Search engine advertising) → Campagne di annunci
  2. SEO ( Search engine optimization) Ottimizzazione per i motori di ricerca

Una strategia che include SEO e SEA tende a funzionare bene per tutti i progetti eCommerce e si integra bene anche con altre forme di pubblicità: canali social, email marketing e annunci su Bing.

Se vuoi approfondire:  Quale differenza c’è fra SEO e SEA?

Perché gli annunci su Google non bastano per promuovere il tuo eCommerce

Gli annunci sui motori di ricerca (e in particolare parliamo di Google) sono importanti per la tua attività, ma non bastano a promuovere un sito eCommerce, per un paio di motivi:

  • per quanto abbondante,  il tuo budget  è  limitato (e devi usarlo bene, per non disperderne il valore);
  • devi nutrire anche l’autorevolezza del tuo sito (ti serve per crescere, agli occhi di Google e dei clienti).

Se il tuo budget non avesse limiti potresti investire soldi all’infinito per gli annunci a  pagamento su Google (o in alternativa su Bing, Facebook, Instagram e Pinterest.). Ma neanche la più grande azienda dispone di risorse economiche inesauribili.

Per questo basare la tua strategia di digital marketing solo sulle campagne annunci è un’opzione che non puoi considerare.

Inoltre è bene anche migliorare l’ autorevolezza del tuo eCommerce e questo gli annunci a pagamento non possono farlo.

Per promuovere bene il tuo eCommerce ti serve anche una strategia SEO

L”ottimizzazione SEO del sito eCommerce ti aiuta a:

  • risalire la classifica dei risultati di Google in modo totalmente gratuito;
  • guadagnare credibilità agli occhi di Google e dei clienti;
  • migliorare la domain authority (autorità del dominio);
  • attrarre clienti senza pagare per ogni clic che ricevi.

Come promuovere il tuo sito eCommerce su Google

Arriviamo al cuore della questione e vediamo:

  • Quali sono le campagne annunci di Google più adatte agli eCommerce
  • Come pubblicizzare il tuo sito eCommerce gratis con la SEO

Le migliori campagne annunci Google per eCommerce

Google Ads è un ottimo modo per attrarre clienti interessati.

Puoi scegliere fra diversi tipi di campagne pubblicitarie e annunci. Tutte le alternative sono teoricamente valide, ma ci sono opzioni e modalità che funzionano meglio quando si  tratta di promuovere un eCommerce.

Analizziamo insieme caratteristiche e vantaggi di

  1. Campagne Shopping
  2. Annunci sulla rete di ricerca
  3. Campagne Display
  4. Retargeting
  5. Campagne video Youtube

1. Campagne Shopping

Le Campagne Shopping di Google sono una forma di pubblicità dedicata ai prodotti dei siti eCommerce. Se non hai un sito eCommerce sul quale gli annunci possono atterrare non puoi battere questa strada.

Gli annunci Google Shopping sono il miglior modo di far conoscere i prodotti del tuo negozio e di incoraggiare l’acquisto: si  tratta infatti di inserzioni direttamente collegate alle schede degli articoli.

Come per gli annunci testuali di Google Ads , anche nel caso dell’annuncio shopping paghi  per i clic che ricevi, cioè solo quando l’annuncio viene cliccato.

Le Shopping di Google sono molto utili perché mostrano in anteprima un ‘immagine del prodotto e altre informazioni interessanti che il cliente vedrà prima ancora di cliccare sull’annuncio: titolo, prezzo, costi di spedizione e recensioni.

L”utente che apre l’inserzione ha già in mente le caratteristiche dell’articolo e quindi:

  • arriverà al tuo negozio motivato all’acquisto;
  • avrai un rischio minore di sprecare soldi per un clic inutile.

Gli annunci Shopping sono in genere mostrati nella parte alta della pagina dei risultati di ricerca di Google e nelle schede di Google Shopping.

Questo tipo di campagna non ha grande possibilità di manovra (cioè di variare i parametri, come invece accade in altri casi).

Praticamente va tutto in automatico, ma rimane comunque la possibilità di targettizzare (→ impostare un target di riferimento specifico dal punto di vista geografico, demografico, e così via).

→Chiedi a noi di  seguire le tue Campagne Google Shopping!

2. Annunci sulla rete di ricerca

Un annuncio sulla rete di ricerca di Google è un’inserzione testuale che apparirà nella pagina dei risultati di ricerca. A differenza di un annuncio Shopping, non è centrato su un prodotto specifico (a meno che tu non scelga di proposito di farlo).

L’annuncio atterra di solito sulla home del sito eCommerce.

Anche le campagne sulla rete di ricerca possono funzionare bene quando si basano su esigenze particolari:  una promozione specifica o in occasione di un evento particolare (Halloween, Black Friday, proposte di Natale, sconti stagionali e così via).

Puoi anche sfruttare l’annuncio testuale per una promozione continuativa del tipo “Prezzi scontati tutto l’anno!” o per una determinata categoria o tipologia di articoli in vendita.

3. Campagne Display

Per promuovere un sito eCommerce si possono usare con successo anche le Campagne Display che mostrano annunci grafici.

Come le campagne sulla rete di ricerca, anche le Display sono particolarmente adatte a promozioni specifiche, periodiche o  stagionali. Potrebbe essere il caso di un banner dedicato ad Halloween, o che mette in evidenza un  prodotto “civetta”.

Gli annunci display funzionano bene anche quando si vuole offrire uno sconto: “Per questa settimana 70% in meno su tutto, “ o “Liquidazione: tutto -50%!”

4. Il Retargeting

Anche il retargeting/remarketing è un tipo di pubblicità molto adatta ai siti eCommerce perché è strettamente legata al processo di acquisto.

Più che un tipo specifico di pubblicità, il retargeting è una modalità di impostare le campagna.

La pubblicità retargeting spinge le persone a tornare sul tuo sito eCommerce. Come? Con un annuncio  “mirato” a chi dimostrato precedentemente interesse per un tuo prodotto. L’ annuncio verrà mostrato in un momento successivo alla prima visita, mentre l’utente naviga altre pagine web.

Questo meccanismo induce l’utente a  ricordare il prodotto per cui ha già mostrato interesse.

In termini tecnici il retargeting non è un tipo di campagna, ma è un’opzione della campagna, e si ottiene impostando uno specifico target per mostrare l’annuncio a persone che hanno già visitato lo shop.

Ma è anche una strategia di marketing che a seconda dei casi  e di come è impostata può dare (o meno) risultati positivi.

Una campagna remarketing può essere fruttuosa quando riguarda un prodotto innovativo o particolarmente costoso, perché il senso di questa forma di promozione è aumentare progressivamente il livello di interesse del cliente a mano a mano che il prodotto viene mostrato fino all’acquisto.

Il remarketing è adatto anche alle offerte promozionali di breve periodo.

Esiste poi una particolare forma di remarketing chiamato remarketing dinamico che spesso è usato dalle grandi aziende (mi vengono in mente eBay o Auto-doc, il famoso portale di ricambi).

Si tratta di un tipo di promozione non statica, ma basata sui prodotti che il cliente ha già visto che può essere utile per riproporre un prodotto specifico.

Si crea ad esempio un carosello di prodotti che sono già stati visualizzati.

→Vuoi pubblicizzare il tuo sito eCommerce con una campagna remarketing?

5. Gli annunci su Youtube

Le campagne video ( annunci su YouTube) possono aiutarti ad aumentare la notorietà del brand ma anche a generare conversioni e a convincere le persone a fare acquisti.

A differenza di altri tipi di pubblicità, in questo caso il tuo budget dovrà includere risorse da dedicare, non solo alla campagna annunci ma anche alla realizzazione di un video di qualità.

Una campagna su Youtube tende a funzionare bene per raggiungere questi obbiettivi:

  • fare brand identity
  • far conoscere un prodotto innovativo
  • proporre una particolare offerta

Come pubblicizzare un sito eCommerce gratis con la SEO

Raggiungere le prime posizioni di Google in maniera “naturale” e gratuita è una strada più lunga e impegnativa rispetto agli annunci a pagamento.

Allora perché dedicare tempo e impegno alla SEO per eCommerce?

Ecco tre buone ragioni:

  • ti permette di ottenere clic senza pagare;
  •  il tuo sito e le sue pagine otterranno visibilità su Google;
  • Potrai aumentare l’autorità del tuo sito eCommerce;

Con un annuncio su Google puoi raggiungere rapidamente la prima pagina ma devi pagare. Con la SEO lo fai in modo gratuito.

La SEO è un’attività che richiede l’ottimizzazione del sito eCommerce e dei suoi contenuti.

Ci sono due aspetti indispensabili su cui lavorare:

  1. ottimizzazione delle schede prodotto
  2. creazione di altri contenuti ottimizzati per la SEO

1. Ottimizzare le schede prodotto per Google

Un aspetto che devi assolutamente considerare se vuoi vendere di più è l’ottimizzazione SEO delle schede prodotto del tuo eCommerce.

Ogni eCommerce è costituito principalmente da pagine di questo tipo. Ottimizzando tutte le pagine dei tuoi prodotti avrai più probabilità che questi siano mostrati da Google alle persone che cercano quello che vendi o qualcosa di simile, senza dover pagare un annuncio.

Per spingere le schede dei tuoi articoli a posizionarsi bene fra i risultati della ricerca organica dovrai seguire alcuni passaggi che trovi riassunti in questa infografica dedicata alla SEO per eCommerce.

→Vuoi ottimizzare le tue schede prodotto per la SEO?

2. Creare contenuti ottimizzati per la SEO

Per quanto ottimizzate, le schede prodotto possono contenere una quantità limitata di testi e immagini.

Per migliorare i tuoi posizionamenti su Google dovrai aumentare il volume dei contenuti SEO del tuo negozio, sfruttando altri spazi del sito per inserire testi e immagini ottimizzate.

Un buon metodo per migliorare la SEO può essere quello di aggiungere al sito eCommerce una sezione news e/o un blog aziendale e creare con costanza contenuti centrati su keyword rilevanti per la tua attività .

→Vuoi posizionare il tuo eCommerce su Google?

Come promuovere il tuo eCommerce: la strategia per Google

E’ il momento di parlare più approfonditamente di strategia!

Campagne annunci e SEO: come dovresti dosare questi ingredienti per ottenere il perfetto mix? Dipende dal tuo budget e dai tuoi obbiettivi.

Con le campagne puoi agire più rapidamente, ma dovrai pagare per ogni clic, quindi:

  • usa gli annunci in modo ponderato;
  • setta le campagne in modo accurato;
  •  monitora i risultati e aggiusta il tiro, se serve.

Crea annunci a pagamento per:

  • i prodotti importanti per il tuo marchio (ad esempio se vendi una linea di prodotti in esclusiva o sei partner di un brand famoso);
  • i prodotti sui quali hai più margine di guadagno.

Se ben settata e targettizzata una campagna annunci può portare un guadagno veloce e sostanzioso.

Per pubblicizzare il tuo eCommerce con gli annunci:

  1. scegli il tipo di campagna adatto al tuo caso
  2. Includi sempre le campagne Shopping
  3. Genera conversioni
  4. Sfrutta le parole chiave rilevanti
  5. Usa bene il remarketing

1. Scegli attentamente le tue campagne

Le campagne annunci sono un modo rapido e misurabile per per generare conversioni.

I risultati che puoi ottenere sono influenzati da due fattori:

  • la quantità di denaro che puoi investire negli annunci
  • la competenza che hai nel gestire le tue campagne

I vantaggi saranno proporzionali alle risorse economiche che puoi investire ma dipendono anche dalla tua abilità. Dovrai dedicare il giusto tipo di campagna al tuo obiettivo specifico, gestire bene le inserzioni e monitorarle.

Uno degli aspetti più importanti a cui fare attenzione è costruire annunci pertinenti.

Chiedi a noi di aiutarti con le tue campagne annunci su Google  per vendere di più!

2. Le campagne shopping: il miglior modo per promuovere i tuoi prodotti

Le campagne shopping conducono l’utente sul sito quando è già parzialmente convinto. Per questo la campagna avrà probabilmente un tasso di conversione maggiore (e quindi un costo per conversione minore).

La vendita di un prodotto con una campagna shopping costerà probabilmente meno di una vendita ottenuta con una campagna “classica” su Google.

3. Parola d’ordine: convertire!

Quando si parla di convertire, devi considerare bene il valore delle tue conversioni.

Ovviamente considerare il costo per conversione ha senso (quanto spendi n annunci per ciascuna vendita realizzata).  Però le campagne non sono sempre vantaggiose.

Ci sono campagne che sono delle eccezioni che portano un guadagno immediato (= il costo della vendita è inferiore al mio guadagno puntuale). In questo caso  basta solo mandare le campagne al massimo, perché tanto più vanno e più guadagni.

Ma nella maggior parte dei casi il costo per conversione  pareggia o addirittura ti fa perdere qualche cosa.

Anche se questo dovesse verificarsi non dovresti fare l’errore di considerare la campagna svantaggiosa!

Le campagne possono portare anche grandi vantaggi in termini di branding: fanno conoscere il marchio e il negozio aumentando la sua affidabilità percepita e il numero delle recensioni.

Il cliente non è importante soltanto perché converte ma anche (e soprattutto) perché diventa acquisito.

Vuoi parlare con un nostro esperto per saperne di più?

4. Sfrutta bene le parole chiave

Fare annunci su Google e lavorare sulla SEO sono  hanno una cosa in comune: sono entrambe basate sulle parole chiavi rilevanti per la tua attività.

Le parole chiave sono appunto la chiave che apre l’annuncio  o anche il risultato della ricerca organica di Google.

Grazie alle parole chiave giuste per te per te puoi fare annunci su Google e puoi fare SEO: in entrambi i casi, puoi partire da una ricerca su Gogle Ads in modo totalmente gratuito.

Le parole chiave sono fondamentali per impostare una strategia SEO per eCommerce. Potrebbe però esserci keywords per le quali il tuo sito web fatica a posizionarsi nella ricerca organica (non a pagamento) ma che sono  particolarmente importanti per te e che conviene spingere con un annuncio.

Esistono anche parole su cui, al contrario,  conviene lavorare proprio perché un annuncio ne ha mostrato la buona capacità di convertire da usare per l’ottimizzazione SEO.

5. Usa bene il remarketing

Il remarketing è  una forma di pubblicità che può essere utilissima o all’opposto completamente inutile.

Può avere senso se il tuo negozio non è ancora molto conosciuto.

Il remarketing non serve per ottenere una vendita in più, per questo è più adatta una campagna shopping!

Se uso il remarketing per catturare l’attenzione di un cliente la singola vendita potrebbe costarti parecchio, ben più di quell’unico clic che probabilmente ti servirebbe con una campagna Shopping.

Con una campagna remarketing, infatti dovrai probabilmente ricevere (e pagare) molti clic per concludere una vendita.

Perché e come usare il remarketing?

Una campagna remarketing può essere utile per un prodotto è innovativo o per un servizio che molto probabilmente non verrà acquistato al primo colpo.

Quando un prodotto è una novità, le persone non conoscono le sue qualità e si convincono progressivamente vedendo e rivedendo il prodotto.

Puoi sfruttare la remarketing anche per attività promozionali di breve periodo o per un prodotto particolarmente costoso.

In termini di costo per conversione spenderai probabilmente parecchio, però avrai fatto girare moltissimo il marchio e il nome del negozio: in termini branding avrai ottenuto un reale vantaggio!

Per campagna shopping “generica” che riguarda un prodotto che non ha le caratteristiche che ti ho indicato l’opzione remarketing potrebbe invece non essere fruttuosa. L’utente che non acquista al primo colpo in questo caso probabilmente non cambierà progressivamente il suo livello di interessamento per acquistare in seguito.

Siamo in chiusura. Questo articolo ti è stato utile? Lascia un commento

Vuoi creare una strategia di marketing digitale per il tuo eCommerce?

chiedici una consulenza gratuita!

Summary
Come pubblicizzare un sito eCommerce su Google
Article Name
Come pubblicizzare un sito eCommerce su Google
Description
Come si pubblicizza un sito eCommerce per avere più visibilità su Google e maggiori opportunità di vendita? Ne parliamo in questo articolo!
Author
Publisher Name
Creacity
Publisher Logo
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *