uun ecommerce che converte

Un eCommerce che converte: se il tuo obbiettivo è per aumentare il numero delle vendite questo articolo fa al caso tuo.

Se il tuo business di vendita è già online non ti resta che gestirlo al meglio, per trasformare le visite che ricevi in acquisti reali. Per raggiungere questo risultato e aumentare il volume dei tuoi affari si possono sfruttare alcuni stratagemmi.  Nulla di nuovo e soprattutto niente che tu stesso non abbia sperimentato sulla tua pelle acquistando online.

Abbiamo pensato di “fare cosa gradita” riassumendo tutto qui sotto, in poche parole, con una piccola guida all’uso. Da leggere al volo in pausa caffè.

Creare urgenza di acquisto

Per aumentare il numero effettivo delle tue transazioni non  basta mostrare in maniera efficace i tuoi prodotti. Un eCommerce che converte  deve necessariamente essere qualche cosa di più di una bella vetrina di cose esposte. E’ indispensabile che quello che vendi sia davvero appetibile. Un metodo efficace è quello di creare urgenza di acquisto: mostra un articolo in vendita come limitato nella disponibilità e il suo valore percepito aumenterà immediatamente agli occhi dei potenziali acquirenti. Puoi sfruttare un paio di  metodi:

1. “Solo uno in magazzino”

C’è una ragione per cui non vedrai mai scritto “tranquillo, di questi ne abbiamo un sacco in scorta”. Motiva il tuo cliente a sbrigarsi a comprare mettendo in evidenza la scarsità del numero di pezzi. Chi commercia su Amazon sa bene che se si inserisce un inventario di meno di venti prodotti, la pagina del  mostrerà ai potenziali clienti il numero di articoli rimanenti. Le scorte possono essere mantenute basse in maniera fittizia per sfruttare questo trucco.

2. “Tempo rimanente limitato”

Ora o mai più! aggiungere una scadenza in termini di tempo per poter acquistare il prodotto ad un prezzo basso è un altro valido metodo di persuasione. Ad esempio, creare urgenza con un conto alla rovescia spinge le persone a prendere una decisione in fretta: il prezzo che vedono potrebbe aumentare a tempo scaduto con una perdita in termini di risparmio.

“Ordina oggi e avrai l’articolo entro il sabato”

Ecco un’altro stratagemma intelligente. L’idea di avere subito qualcosa che ci serve  o che ci piace è senza dubbio un buon incentivo all’acquisto. La spedizione lampo ci spinge a comprare ed è in grado di trasformare in un attimo il se in un sì.

Il potere magico dell’avversione alla perdita

Un modo efficace per concludere vendite online (e offline) è indicare il prezzo originario accanto a quello scontato, mettendo in evidenza la percentuale di risparmio. Induci i tuoi clienti a considerare attentamente  la perdita potenziale che avrebbero non acquistando. Mostrare il risparmio potenziale in modo appetibile è una scelta azzeccata perché genera  avversione alla perdita. Ed è anche una forma di ancoraggio psicologico. Spesso infatti ci “aggrappiamo” alla prima informazione che riceviamo e da questa ci facciamo guidare nel processo decisionale.

“Spendi un tot e ricevi con spedizione gratuita”

Chi vuole rinunciare alla spedizione gratuita? praticamente nessuno! La spedizione senza spese è abbastaza diffusa in eCommerce perchè motiva all’acquisto ed è in grado davvero di generare conversioni.

E’ buona norma correlare la spedizione gratis ad un importo minimo dell’ordine, in modo tale che il cliente sia invogliato a spendere un po’ di più per ottenere un vantaggio. Questa strategia di marketing non solo induce a comprare ma eleva il valore medio degli ordini, con un vantaggio effettivo per il tuo cliente ma anche per te.

Ricorda: uno dei motivi più comuni che causa l’abbandono del carrello è la spesa extra in fase di checkout.

Sfruttare l’avversione al rischio

C’è spesso un po’ di ansia associata all’acquisto di qualcosa online, soprattutto se il cliente non ha ancora mai comprato da te.

“Garanzia di rimborso del 100%”.  Resi gratuiti!

“Soddisfatti o rimborsati” e “resi gratuiti” sono sistemi in grado di funzionare bene perché migliorano la qualità del servizio clienti e trasformano il tuo sito eCommerce in un luogo virtuale di acquisto sicuro. Il compratore potenziale si sente protetto dalla possibilità di cambiare idea e  si affida con fiducia a chi è così sicuro della qualità del proprio prodotto da esporsi al rischio della restituzione.

Riduci l’abbandono del carrello

Ben oltre la metà dei carrelli della spesa non arrivano mai alla cassa. Il processo di checkout si ferma spesso e occorre agire per motivare a completare l’acquisto. Come?

1. il Checkout veloce

Se tutto quello che il cliente deve fare è cliccare per terminare l’acquisto ci sono buone probabilità che l’operazione vada a buon fine. Questo trucco  rimuove il costo del tempo e la complicazione che il cliente associa mentalmente alla procedura di completamento dell’ordine. Ordina con un Click di Amazon è un esempio calzante di questa tecnica anti-abbandono del carrello.

2. “Where’d You Go?” (Ma dove scappi?)

La prossima volta che l’utente abbandona un carrello con la spesa a metà, potrebbe ottenere un follow-up dal sito tuo sito eCommerce. Le email anti carrello abbandonato stanno diventando sempre più popolari semplicemente perché funzionano. Quasi la metà di queste viene effettivamente aperta.

Un aiutino efficace al di dilemma “compro non compro”? Anche un messaggio di posta elettronica in questo caso può fare la differenza.

Le recensioni del prodotto aiutano!

Che ci piaccia ammetterlo o no, per molti di noi è importante quello che pensano gli altri. Apprezziamo l’opinione altrui quando prendiamo decisioni, soprattutto se chi ci parla ha già esperienza di quello che anche noi andremo a provare. Ci piace pensare (con rinnovato senso di ottimismo) che i giudizi dati da terze parti siano imparziali e affidabili e, vuoi o no vuoi, diamo a questi molto peso. In altre parole: le recensioni aiutano moltissimo le vendite, soprattutto se sono tante e positive.

Per concludere…

Quindi se vendi prodotti o offri servizi online,  provare qualcuno dei trucchetti che ti abbiamo indicato e trasformerai il tuo business in un eCommerce che converte davvero. Sono espedienti noti, ma soprattutto se associati tra loro ti daranno davvero una mano a fare bene.

Resta il fatto che, alla base di tutto, ci vuole un sito eCommerce ben costruito. Un po’ di dimestichezza, tanto impegno e soprattutto la tua serietà nel proporre prodotti validi e faranno tutta la differenza. Nemmeno il migliore dei magheggi markerting può aiutarti senza questo!

Se ti interessa consultare cos’altro che abbiamo scritto sull’eCommerce puoi andare qui:

Che cos’è un eCommerce?

eCommerce vs eBusiness: quali sono le differenze?

i 12 errori che i nuovi siti di eCommerce fanno troppo spesso

Se invece vuoi contattarci per un preventivo o dare un’occhiata a cosa sappiamo fare siamo a tua disposizione!

Summary
Un eCommerce che converte
Article Name
Un eCommerce che converte
Description
eCommerce: gestisci le tue vendite online in modo proficuo, genera conversioni e aumenta il volume di affari con i nostri consigli.
Author
Publisher Name
Creacity
Publisher Logo
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *